Il nostro evento di raccolta zafferano (con colazione)!

postato in: Uncategorized | 0

Quest’anno abbiamo potuto organizzare l’evento di raccolta dello zafferano, finalmente! Direttamente nei nostri campi, tra le colline delle Langhe a Monchiero, in provincia di Cuneo, Piemonte.

Un focus sull’ultima fase della coltivazione di questa spezia, ovvero la raccolta dei fiori di zafferano, che avviene in questo periodo. E abbiamo voluto completare il tutto anche con la dimostrazione pratica della pulizia (o mondatura) dei fiori e dell’essicazione sulla brace, come fanno tradizionalmente in Sardegna.

Purtroppo la prima domenica abbiamo dovuto annullare l’evento causa brutto tempo, ma la successiva siamo stati più fortunati. Sebbene facesse molto più freddo!

La raccolta

Ritrovo alle 8, di domenica. Una bella sfida! Ma i più temerari non si sono fatti troppi problemi, anzi, qualcuno si è presentato anche in anticipo! Umberto, il titolare, ha accolto i partecipanti e presentato l’azienda agricola Sativus, per poi cominciare subito con la raccolta dei fiori di zafferano. Il freddo si è fatto sentire, ma tutti hanno resistito e si sono dati da fare. La loro voglia di fare e intraprendenza hanno portato a un gran numero di fiori raccolti nei cestini di vimini. I bambini soprattutto si sono divertiti a passeggiare nel campo tra le cunette di bulbi di zafferano, davanti a un paesaggio collinare con vista Monviso. Uno spettacolo!

evento raccolta zafferano piemonte cuneo fiori
Una parte dei fiori raccolti in un cestino di vimini

La mondatura

Un momento di pausa per riscaldarsi le mani vicino al fuoco e per gustare un delizioso infuso caldo allo zafferano, profumatissimo e di color oro. Poi è arrivata l’ora di passare alla pulizia dei fiori. Rovesciati i cestini sulla lunga tavolata gialla, Umberto ha mostrato il metodo più corretto e veloce per estrarre i 3 stimmi rossi all’interno del fiore. Naturalmente ci vuole un po’ di manualità, ma non è difficile. Noi in azienda eliminiamo anche completamente la parte più bianca del filamento per un prodotto più puro.

L’essiccatura

Tutti, grandi e piccini, si sono messi all’opera e alla fine hanno accumulato un bel gruzzoletto di un rosso bello vivace, che risplendeva sotto un raggio di sole uscito da poco. Poi toccava all’essiccatura dimostrativa sulla brace, già preparata alla mattina presto. Fra le mille domande dei partecipanti e le parole appassionate di Umberto, il tempo è passato e lo zafferano si è trasformato perdendo tutta la parte liquida.

Come ultima fase, Umberto ha fatto vedere come si può capire quando lo zafferano è pronto. Basta semplicemente provare a piegare lo stimma e se si spezza vuol dire che è essiccato, per cui si può invasettare. Per ridurre lo zafferano in polvere, occorrono un semplice foglio di carta da forno e un coltello. In pochi secondi ecco che si ottiene lo zafferano polverizzato con nessuna fatica.

Infine ogni partecipante ha ricevuto un vasetto del nostro zafferano, che era stato essiccato da noi nel nostro essiccatore professionale. Quindi ci siamo diretti in caffetteria per una piccola colazione e quattro chiacchiere.

Grazie a tutti i partecipanti per la meravigliosa mattinata passata insieme!😀

Appuntamento al prossimo anno!